LE "CONVITTIADI" AL LICEO SAVARINO

convittiadi Per la prima volta, in Sicilia, si svolgeranno le "convittiadi", una festa di giovani e di sport all’insegna dei valori più sani, condivisione, aggregazione e socializzazione. Una straordinaria opportunità di confronto tra giovani provenienti da tutta Italia.
Il via sarà dato domenica mattina e le manifestazioni si protrarranno fino al  3 maggio.
Quest’anno l’organizzazione è stata affidata al Convitto Nazionale Giovanni Falcone di Palermo, con il patrocinio del Coni Sicilia, del Comune di Palermo, della Regione Siciliana e dei Comuni di Terrasini e Partinico.
La nostra scuola ospiterà, nei locali della palestra, i partecipanti di diverse discipline.
Per ulteriori informazioni www.convittiadipalermo.it

Mostra sulla Resistenza al Liceo Savarino

67 resistenza-thumbE’ esposta, nei locali del Liceo Scientifico di Partinico, in Contrada Margi, una mostra sulla Resistenza, preparata dagli alunni, anche negli anni passati, col contributo e lo stimolo di alcuni docenti. La mostra ripropone le fasi più importanti di quello che fu il più importante momento di riscatto degli italiani rispetto all’occupazione nazista e alle violenze sui civili perpetrate dai fascisti loro alleati. Accanto alle toccanti lettere di patrioti condannati a morte dai nazifascisti c’è un pannello sul ruolo delle donne nel corso della guerra di liberazione, uno sulla Resistenza nella letteratura e sul ruolo degli intellettuali, uno sui momenti fondamentali che segnarono la nascita dell’Italia repubblicana.   In una sorta di continuazione ideale con la Resistenza nel Nord Italia si pongono le battaglie dei contadini siciliani per la conquista delle terre negli anni 1846-48 e la strage di sindacalisti operata dai mafiosi al servizio dei grandi agrari siciliani. La lotta contro la mafia costituisce una nuova Resistenza, un ideale momento di liberazione delle popolazioni meridionali, attraverso il contributo di una serie lunghissima di uomini che hanno messo a disposizione la loro vita per affermare valori di solidarietà, di giustizia sociale, di diritto al lavoro e che hanno lottato per rompere l’abbraccio mortale tra politica e mafia. La mostra è aperta ai visitatori e alle scuole e rimarrà esposta sino al 30 aprile.

Immagini e allegati

Questo sito utilizza cookies